venerdì 17 luglio 2015

Acqua ...


I compagni di Jeneba 

Ieri sera Lucia mi ha inviato questa mail, e dopo aver chiesto il suo permesso, ho deciso di pubblicarla qui, senza omissioni e senza aggiunte, perché lei spiega la cosa nel modo più completo possibile. Vi invito a leggere, a partecipare al progetto ed a condividerlo con i vostri amici, contatti, e nei vari social.
Lucia Mazzoli E’ una poetessa. Mi raggiunge al telefono e mi dice, con emozione, che vuole sostenere il nostro progetto acqua. Mi invita ad andare a casa sua e mi consegna i suoi pensieri. “Sono per te”, mi dice. Nella corsa costante della vita, avere qualcuno che vuole consegnarti i propri pensieri è un’emozione che ti prende in contropiede e a cui puoi solo abbandonarti. Sono due poesie bellissime, dedicate ai bambini. Una di queste si intitola ACQUA. Mi spiega che è un sonetto particolare, con una strofa di due righe in cui si concentra la forza della composizione: “Il cuore mi trascina nella pozza dove bambini bevono acqua sozza”. Lo ha scritto due anni fa. Lo leggo davanti a lei, seduta nel suo giardino. Mi guarda con discrezione e mi chiede: “Hai capito cosa significa l’acqua per me?”. Le rispondo con un’altra domanda, chiedendole se posso pubblicare le sue parole, perché non trovo niente di più bello per descrivere l’essenza del nostro progetto. Ai pochi distratti, dedico la sua poesia e il suo invito ad agire per condividere questa sua urgenza legata all’acqua. Lei è Elisabetta Freddi, è dell’Associazione Nel Verso Giusto ed è amica de I Compagni di Jeneba Onlus. 

Per sostenere il nostro progetto acqua, collegati a:
http://www.compagnidijeneba.org/acqua-per-jeneba/ Grazie ai tanti sostenitori che ci hanno contattati e a quanti vorranno farlo. Lucia


ACQUA (sonnet marrotique)
Sulle mie mani scende un getto fresco è l’acqua pura del mio rubinetto. Ci lavo il volto col sapone al pesco e l’acqua scorre … Questo un mio difetto.
Scorre pure nel secchio con il panno e per pulire ne consumo a iosa, in apparenza non commetto danno a consumar quell’acqua, si, preziosa.
Il cuore mi trascina nella pozza dove bambini bevono acqua sozza.
L’acqua dal monte scorre in abbondanza quando è tersa assomiglia ad uno specchio. Mai rivela giustizia ed uguaglianza: sermone troppo nuovo e assai vecchio!
Elisabetta Freddi





Progetto ACQUA PER JENEBA
CE L'ABBIAMO FATTA !
Ora nel nostro centro Jeneba 's Mates di Goderich i nostri sierraleoncini, le maestre, i medici e le infermiere hanno l'acqua.
Dopo oltre 30 anni dall'apertura del suo asilo, Aunty Regina ha dell'acqua corrente in casa per i suoi bisogni, e ben 5000 litri d'acqua di riserva.
Perché lei vive lì e non si muove di lì.
Un sincero ringraziamento a tutti coloro che hanno collaborato a far giungere la fonte della vita ai nostri sierraleoncini.
Kabò
Massimo Fanelli
Presidente

Nessun commento:

Posta un commento